Agosto 19, 2014
I’m a looser baby, so why don’t you kill me?

Niente, stamattina apro wozzap e c’è un messaggio di una mia amica, Erika, che mi dice che Giulia tra poco torna dal mare, e che le ha detto che vorrebbe rivedermi per ridarmi di persona il mio walkman (il giorno che ci siamo lasciati, io le ho lasciato il mio walkman per farle ascoltare la cassetta che le avevo inciso per il compleanno, dopo alcuni sviluppi chiesi ad Erika di ritirarlo per me al suo ritorno, ndr.) anche perché vorrebbe vedermi.
Io le ho detto che non vedevo l’ora, e, come spesso succede coi miei amici, Erika non ha colto l’ironia della mia risposta.

Fatto sta che, parlandone, siamo arrivati alla conclusione che al ritorno dalle vacanze di Giulia la rivedrò.
Io sto già male adesso, a figurarmi i suoi occhioni che mi guardano.
Davvero, io non riesco a capire perché, ogni volta che credo di esser riuscito a finire un capitolo per passare ad un’altro, è come se avessi dimenticato di togliere il segnalibro dalle pagine precedenti, e il destino avesse una cazzo di regola, che, mi obbliga a rileggere ogni benedetta volta tutte le pagine. da dove ho lasciato il segnalibro. per poterlo riprendere.

Io ho paura a rivedere Giulia, paura di scottarmi di nuovo, e di aver finito la pomatina per le ustioni. Però vorrei anche rivederla, per vedere cosa succederà.
L’unica cosa di cui sono sicuro è che non c’è nulla di cui sono sicuro. E l’inscurezza mi destabilizza, molto.

11:36pm  |   URL: http://tmblr.co/Z1tyex1OhfJzt
(Vedi i commenti  
Archiviato in: diary giulia cazzo 
Agosto 18, 2014

È sempre bello correre e giocare ad acchiapparella col cane in giardino.
Bello finché l’aria non si riempie di zanzare ed il respiro affannoso dovuto all’età avanzata non rischia di farti fare una seconda cena…

8:35pm  |   URL: http://tmblr.co/Z1tyex1ObIJTL
(Vedi i commenti  
Archiviato in: diary Birillo zanzare 
Agosto 15, 2014

Ho trovato la morosa. È russa ed abita con una connazionale in un appartamento a Milano.
È alta più o meno come me, ha le lentiggini e i capelli a caschetto, scuri, quasi neri.
Mi insegna parole in russo, tra un’effusione e l’altra, che io dimentico al volo quando la guardo negli occhi. Ridiamo molto e siamo felici.

Poi mi sono svegliato per la pioggia e ci siamo lasciati.
E non riesco a ricordare se avesse gli occhi verdi o castani chiari.
So anche il suo nome ma non ve lo dico per proteggere la sua privacy.

Agosto 6, 2014
Ti picchierei, ma forte, ma forte
Capa: Ha ricevuto la mail di mio marito?
Io: Sì, quella dove mi chiede di fare praticamente 1400 etichette adesive, 200 per tipo...
C: Ecco, si sbrighi a fare quelle che non voglio ci perda troppo tempo dato che ci sono ancora in corso il sito ed il feisbuk di B.C.
Io: Certo certo...
Luglio 30, 2014
Ciao, dopodomani è agosto ed io sono sul divano con la copertina di pile.

Ciao, dopodomani è agosto ed io sono sul divano con la copertina di pile.

Luglio 29, 2014
Tizio: Ciao, compri un numero del nostro giornaletto Leninista?
Io: Ah, ma questo non è capitalismo?
T: Eh, ma io col capitalismo ci campo.
I: E questo sono io che me ne vado...
Luglio 27, 2014

I momenti in cui tutto ti scivola addosso e tu ti senti scivolare con tutto.
Ogni volta che che hai lasciato una strada per un’altra sapevi cosa lasciavi e non dove andavi, poi basta una sera, con un social network, rivedi tutte le strade che hai accantonato o abbandonato e vedi che proseguono benissimo senza di te e ti trovi a dubitare delle tue scelte e di un futuro che ancora non vedi. Mentre continui a scivolare e ti batte forte il cuore.

Luglio 25, 2014

Comunque oggi dovevo uscire con Bea, dovevo beccarla verso l’una e mezza in Centrale. Poi stamattina hanno annunciato lo sciopero ed è saltato tutto, ci siamo messi d’accordo per sabato prossimo.

Dopo tutto ciò mi è venuto un dubbietto ed ho controllato con l’applicazione per smartphone ed effettivamente il treno che avrebbe dovuto prendere lei era cancellato, ma quello prima e quello dopo avevano solo 15 minuti di ritardo, gliel’ho detto e lei mi risponde con un: “No vabbeh ormai”.

Boh, io continuo a ripetermi: “Cos’avrà voluto dire?!”

Luglio 23, 2014

Sto intonando i tuoni sulla corda del MI.

Luglio 21, 2014
MUOIO DI SONNO

4 giorni di Festival, 18 ore di sonno totali.
(18 perché stamattina sono rimasto a letto fino alle 10, poi terrorizzato ho chiamato al lavoro ed ho avvisato che arrivavo di corsissima, se no sarebbero state 14 ore di sonno)

Post piaciuti su Tumblr: Altri post piaciuti »